QUELLO CHE S'IMPARA NEI PRIMI ANNI DI VITA | La Fattoria delle Ginestre
Fattoria didattica - Fattoria Sociale
Agriturismo - Formazione
Progetti creativi, educativi, ricreativi

QUELLO CHE S’IMPARA NEI PRIMI ANNI DI VITA

 

…sarà determinante per “definire” come sarà, poi da grande, un individuo. Da questa considerazione , ricorda Munari, ne deriva la grande responsabilità degli educatori che possono- con le loro scelte- creare le condizioni perché un individuo sia libero – di fare, di pensare, di progettare in modo autonomo e creativo-  o sia un “semplice ripetitore di codici”. Sono parole molto precise da non prendere con leggerezza.

Ogni persona quando diventa genitore , in cuor suo, desidera il meglio per il proprio figlio. Ma cos’è questo ” meglio” ? Questa ritengo sia-oggi più che mai- una domanda importante da porsi.

Certo per prima cosa occorre garantire quelli che sono i bisogni primari: la casa, il cibo, la buona salute … ma “appena un poco più in là “non dobbiamo tralasciare qualcosa di altrettanto importante come lo è la cultura e l’apprendimento che deve oggi tener conto della capacità di ” imparare ad imparare”; capacità che deve diventare patrimonio di ogni individuo in crescita.

Ma cosa c’entra tutto questo con i bambini piccoli,direte voi ? C’entra, c’entra !!!

Il bambino, già molto piccolo , si costruire un suo “modello di realtà” attraverso il contatto con il mondo esterno. Una passeggiata in campagna, un giro al mercato, il  preparare le tagliatelle fatte  a mano…possono essere momenti molto importanti di “azione” e di relativo apprendimento di molte “informazioni” ( naturalmente se in tutto questo il bambino ha accanto adulti consapevoli che sanno rendere queste azioni momenti di apprendimento )

Quello che ho appena citato è un primissimo esempio di ” approccio metodologico”.

Un metodo, andando a considerare quello che si propone in Fattoria delle ginestre,  che mette al centro del fatto educativo il bambino e la bambina e  privilegia l’azione come momento essenziale per la costruzione del sapere.

Questa scelta allontana lo “spettro”  di una forma di studio memonico,non attento a creare relazioni tra i concetti, fissato in una dimensione autoreferente; inoltre supera la “mala abitudine” della scheda da colorare o della scheda come unico supporto per un fare che non è neppure immaginato.

I bambini, non hanno bisogno di esperienze raccontate ed uguali per tutti, ma hanno bisogno di fare in prima persona e poi di condividere, e poi  ancora di conversare ( su quello che scoprono e  su tutti i fatti , a seconda degli interessi personali ), di creare buone relazioni con i compagni e di avviare – com’ era un tempo- dei mini progetti quali possono essere : un nuovo giocattolo, la trasformazione di uno spazio, un oggetto da donare eccetera…

Comprendo bene che tutto questo – anche a fronte dei problemi della scuola d’ oggi – talvolta risulta di non facile realizzazione, ma non per questo dobbiamo trascurarne l’importanza.

Da qui la necessità di ampliare le offerte educative ( non ho detto semplicemente le attività ) dedicate ai bambini,  fin da piccolissimi, ma sempre con grande attenzione alla tipologia di modello educativo che viene proposto.

 

Silvana Sperati


Questo sito utilizza cookies per migliorare la tua navigazione. Premendo il pulsante Ok o proseguendo la lettura di queste pagine si accetta l'utilizzo dei cookies.
Maggiori informazioni
Ok